Blog News

Un melologo originale

Dal 2000 ho iniziato una collaborazione con la pianista Pinuccia Gelosa. La nostra ricerca, volta a stabilire nuove relazioni tra poesia e suono (i testi sono originali e la musica creata per l’occasione) ha prodotto il CD SPOSTAMENTO MINIMO, pubblicato nel 2006 con il sostegno della Provincia Autonoma di Trento.

  

Guarda il video dell’omonima performance realizzata ad Arco il 15 giugno 2007 nell’ambito della rassegna Arco sotto le stelle.
VIDEO Spostamento minimo


“Frammenti di linguaggio ed arabeschi sonori che hanno il pregio di farci partecipare intuitivamente alla sintonia della finezza, della bellezza sul filo dell’anima».

dalla presentazione di PierAngelo Sequeri


Ricerca

Dal 2001 al 2005 ho appreso sul campo la metodologia auotbiografica applicata alla ricerca sulla memoria individuale e collettiva. L’opportunità mi è stata offerta da Beatrice Carmellini, una insegnante di Arco mentore di diversi giovani. La collaborazione ha fruttato il volume Il tempo dei sanatori ad Arco (1945-1975), edito dal Museo Storico in Trento nel 2005. Il libro è stato segnalato al XXXV Premio Itas del libro di Montagna ed è stato premiato alla XXIV edizione del Premio Gambrinus Fondazione Mazzotti nel 2006.

Qualcosa c’è che non sopporta un muro,
E sotto vi incunea le zolle rigonfie di gelo,         
E al sole fa cadere le pietre più alte,
E apre brecce per dove anche in due ci si passa.

Robert Frost, Conoscenza della notte


Qualcosa c’è che non sopporta un muro,
E sotto vi incunea le zolle rigonfie di gelo,         
E al sole fa cadere le pietre più alte,
E apre brecce per dove anche in due ci si passa.

Robert Frost, Conoscenza della notte


COLLABORAZIONI

Segnalo qui il link a PORTOBESENO, un Festival di Arte e ricerca con cui collaboro dal 2005. Il Festival si svolge durante i mesi estivi in Trentino e nell’arco di tre anni ha creato più di 20 produzioni originali, che spaziano dagli spettacoli teatrali, a quelli di musica elettronica all’interno di Castel Beseno e in varie località della Vallagarina, a ricerche sul territorio concernenti la memoria dei suoi abitanti, alle installazioni sonore e video.
Tutti i suoi prodotti artistici sono strettamente originali e creati appositamente per l’occasione.

Particolare dell’installazione audio/video Lasciare tracce (2007).